Mercato dei fiori e della frutta a Vittoria: irregolarità nel lavoro e rifiuti abbandonati

Mercato dei fiori e della frutta a Vittoria: irregolarità nel lavoro e rifiuti abbandonati

La Polizia di Stato ha effettuato controlli capillari presso il Mercato dei Fiori e della Frutta di Vittoria, tesi a verificare le regolarità amministrative, penali e l’idoneità della struttura mercatale.
4 le aziende specializzate nella commercializzazione di fiori e 2 quelle del settore frutta, controllate insieme a circa 30 soggetti presenti a vario titolo, alcuni dei quali pregiudicati.
Il personale della Direzione Territoriale del lavoro riscontrava alcune irregolarità in ordine alle modalità di assunzione dei dipendenti di due ditte e tuttora sta effettuando ulteriori controlli sulla documentazione esibita dalle aziende ispezionate.
Gli Ispettori dell’Azienza Sanitaria Provinciale nr. 7 di Ragusa – Tecnici della Prevenzioni S.I.A.V., dal sopralluogo effettuato accertavano uno stato di degrado e abbandono dell’intera area. Diversi cumuli di rifiuti abbandonati da tempo, così come documentato dalla Polizia Scientifica; elementi che favorivano il proliferarsi di insetti e parassiti. I tecnici, all’esito dell’accertamento, ritenevano opportuno, necessario ed inderogabile effettuare un’azione di bonifica a tutela della salute pubblica e del decoro.
Il personale della Polizia Municipale rilevava 4 illeciti amministrativi per concessioni spazio di vendita scadute di validità da anni e sono tuttora in corso accertamenti per determinare la liceità della permanenza delle aziende controllate.
Anche i Vigili del Fuoco sono intervenuti effettuando dei rilievi riservandosi di fornire l’esito dei controlli che necessitano di un’attenta analisi dei dati acquisiti in ordine alla struttura ed alla normativa antincendio e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Categoria: Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*

Utilizzando questo strumento acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto descritto nell'Informativa sulla Privacy