Ragusa: al teatro Perracchio, la rassegna per ragazzi I colori della fantasia

Ragusa: al teatro Perracchio, la rassegna per ragazzi I colori della fantasia

Bisogna dare ai propri figli ali per volare e radici per tornare a casa. E’ questo, in estrema sintesi, il filo conduttore di uno spettacolo delicato, divertente e un po’ magico. Torna la nona edizione della Rassegna di teatro per giovani e ragazzi denominata “I colori della fantasia” promossa dal Centro teatro Studi di Ragusa con il sostegno degli assessorati alla Cultura e alla Pubblica istruzione del Comune. Dopo il primo spettacolo già andato in scena a dicembre, Novecento di Baricco con protagonista Giuseppe Ferlito, e che grande successo ha riscontrato con la presenza di oltre 700 ragazzi nei due giorni di rappresentazione, domani, martedì 12 febbraio, e mercoledì 13, sarà proposto “Spiga, Spago e le avventure di Bandiera” di Laura Tornambene con la regia di Franco Giorgio. Protagonisti la stessa autrice Laura Tornambene e Giuseppe Ferlito, due attori molto eclettici e bravi. Gli appuntamenti prenderanno il via alle 10 e si terranno al teatro comunale Marcello Perracchio di via Fieramosca 39. “E una storia – dice il regista Giorgio del Centro Teatro Studi – per insegnarci, con leggerezza e fantasia, a vivere liberi nel rispetto degli altri e, vivendo liberi, scoprire il mistero dell’esistenza”. La trama? Spiga e Spago sono due squattrinati artisti di strada che vanno in giro per il mondo a raccontare bellissime storie ai bambini. Stavolta raccontano le avventure di Bandiera, una fogliolina di un vecchio albero di ciliegio, che ha un grande desiderio: viaggiare, scoprire e conoscere i misteri del mondo. Sì, è vero, è una fogliolina e, per suo destino, è costretta a rimanere attaccata ai rami del suo vecchio padre. Ma Bandiera ha sete di sapere ed è assai curiosa di scoprire cosa succede “al di là del proprio naso”. Convince perciò il vecchio ciliegio a lasciarla andare. Va. Bandiera sfida il vento della morte per vedere e per sapere. E’ una delle più delicate storie create da un grande scrittore e maestro di vita come Mario Lodi. Una storia in cui la fantasia è intesa non come mezzo di evasione dalla realtà, ma come mezzo interpretativo dell’esistenza e di crescita. Lo spettacolo è rivolto ai piccoli studenti di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Tra le tematiche proposte dal testo: il rapporto con i genitori, l’attenzione per la natura, il rispetto reciproco tra esseri viventi. Intanto, lo spettacolo “Novecento” con Giuseppe Ferlito, e con la regia di Franco Giorgio, sarà portato in scena, sabato 16 febbraio, nell’auditorium di una delle 10 biblioteche più belle d’Europa, il “Pertini” di Cinisello Balsamo, a Milano. La rappresentazione avverrà nell’ambito di una rassegna organizzata da uno dei docenti dell’Accademia dei filodrammatici e del Piccolo di Milano. Il 23 e il 24 febbraio “Novecento” andrà in scena a Catania al teatro Roots.

Categoria: Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*

Utilizzando questo strumento acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto descritto nell'Informativa sulla Privacy