Ragusa: numeri record per la differenziata. Adesso, lotta alle discariche abusive

Ragusa: numeri record per la differenziata. Adesso, lotta alle discariche abusive

L’anno 2019 è iniziato nel modo migliore per Ragusa e per l’ambiente: la percentuale per la raccolta differenziata “porta a porta” si è attestata su un valore mensile pari a 74,62%. Il capoluogo ibleo si è così confermato al top delle classifiche regionali (ma, oramai, si dovrebbe parlare di classifiche nazionali).
Il dato, ben superiore ai limiti di legge, rappresenta il risultato di un lavoro collettivo che, a partire dalle maestranze impegnate con dedizione e sacrificio ogni giorno sul territorio, ha coinvolto prima di tutto i cittadini e l’Amministrazione comunale che ha attivamente perseguito la ricerca degli evasori e di coloro che hanno cercato, in tutti i modi, di ostacolare quello che è ormai diventato uno standard di altissimo livello per la città di Ragusa.
Le microdiscariche abusive nel centro storico sono ormai limitate a pochi casi sporadici e perfettamente controllati dagli operatori dell’Ati. Quelle nelle periferie (di origine non solo “ragusana”) stanno per essere contrastate con grande efficacia mediante l’installazione di telecamere ed un potenziamento del controllo da parte degli organi di vigilanza.
“Ora – sostiene l’Ati che si occupa della gestione del servizio – non ci rimane che concentrarci su tutti quegli aspetti critici che, ancora, caratterizzano alcuni punti della raccolta differenziata al fine di raggiungere obiettivi sempre più importanti e, soprattutto, alla portata di tutti noi. Inoltre, venerdì (8 febbraio, tutto il giorno) e sabato (9 febbraio solo il mattino) sarà presente il nostro gazebo in piazza Libertà per incontrare i cittadini e confrontarci su queste problematiche e per la distribuzione di simpatici gadget. Vi aspettiamo numerosi”.

Categoria: Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*