Saldi in Sicilia. Per gli esercenti, una boccata d’ossigeno

Saldi in Sicilia. Per gli esercenti, una boccata d’ossigeno

Al via in Sicilia da oggi e fino al 15 settembre i saldi di fine stagione. Ma come ormai puntualmente accade gli sconti in gran parte dei negozi sono già cominciati, sotto forma di ‘pre-saldi’ o di promozioni riservate “ai clienti più affezionati”.
Confesercenti prevede l’adesione di oltre 200mila negozi in tutta Italia, con sconti medi di partenza intorno al 30% per cercare di invertire un’annata particolarmente difficile.
“Riduzioni di prezzo consistenti da parte di tanti negozianti – dice Luigi Marchi, presidente di Confesercenti Ragusa – per cercare di recuperare gli incassi persi nei primi quattro mesi del 2019, anche a causa del meteo imprevedibile con un mese di maggio particolarmente freddo. I consumi di abbigliamento, infatti, hanno segnato una flessione di un ulteriore 1,3%”.
Secondo i dati forniti da Confesercenti nazionale nel 2018 la spesa delle famiglie in moda si è ridotta in media di 280 euro l’anno rispetto al 2011, per un calo complessivo del 4%, pari a 2,7 miliardi di euro di consumi in meno.
“I saldi di fine stagione – dice Massimo Giudice, direttore di Confesercenti Ragusa- sono una buona occasione per i commercianti per risollevarsi dopo mesi difficili, mentre per i consumatori la possibilità di rinnovare il guardaroba risparmiando un bel po’”.
La Confesercenti ricorda ai propri iscritti di osservare tutte le regole nel praticare gli sconti, indicando sempre il vecchio prezzo e quello nuovo oltre al valore in percentuale dello sconto applicato. Il prezzo deve essere, inoltre, esposto in modo chiaro e leggibile. La Confesercenti di Ragusa augura ai suoi associati buone vendite.

Categoria: Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*