Il Cioccolato di Modica modello da seguire per il Gianduiotto del Piemonte

Il Cioccolato di Modica modello da seguire per il Gianduiotto del Piemonte

Il Cioccolato di Modica in aiuto del Gianduiotto Piemontese. E’ quello che è accaduto nel corso dell’ultimo fine settimana nel Salone d’Onore della Camera di Commercio di Cuneo, dove si è svolto l’incontro “Strategie di Tutela e Valorizzazione delle Produzioni Dolciarie del Piemonte”. L’incontro moderato da Filippo Pinelli di The Chocolate Way, ha visto la presenza, tra gli altri, della mitica Bruna Peyrano, «la signora di corso Vittorio», che per oltre mezzo secolo ha gestito la pasticceria della buona borghesia torinese, sostenitrice e fondatrice del Comitato per il Gianduiotto IGP.

Ospiti modicani il Direttore del Consorzio del Cioccolato di Modica che ha illustrato tutto l’iter seguito per il riconoscimento del primo cioccolato europeo a marchio Igp ed il Sindaco, Ignazio Abbate che ha confermato la propria volontà ad assicurare ogni necessaria assistenza finalizzata al raggiungimento più rapido possibile del certificazione IGP per il Gianduiotto. Nell’occasione il direttore Scivoletto ha presentato il “Passaporto digitale” del cioccolato di Modica Igp, proiettando il video promozionale realizzato dal Poligrafico e Zecca dello Stato. Il primo cittadino modicano ha incoraggiato il Comitato per il Gianduiotto invitandolo ad andare avanti speditamente nell’interesse dei produttori e del territorio, e di giungere al più presto al meritato riconoscimento. Intervento conclusivo di Filippo Pinelli che ha illustrato il progetto “Dolce Italia” sottolineando come Cuneo e Torino, con le loro specialità dolciarie e il sostegno delle rispettive Camere di Commercio potranno svolgere un ruolo di primo piano nel costituendo Consorzio di Promozione e internazionalizzazione delle produzioni dolciarie italiane. Nel corso degli eventi sono state donate barrette di cioccolato di Modica IGP fornite dalle imprese consortili Antica Dolceria Rizza, Casalindolci, Ciokarrua, Corallo, Nacrè e Peluso.

Categoria: Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*