Il Segretario di Stato del Ministero Rumeno per gli emigrati che vivono all’estero in visita alla Prefettura di Ragusa. Anche il segretario della CGIL, Scifo, ha partecipato all’incontro

Il Segretario di Stato del Ministero Rumeno per gli emigrati che vivono all’estero in visita alla Prefettura di Ragusa. Anche il segretario della CGIL, Scifo, ha partecipato all’incontro

Il Prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza ha ricevuto, presso il Palazzo del Governo, il Segretario di Stato del Ministero per i Romeni che vivono all’estero, Dott.ssa Lilla Boglarka Debelka, accompagnata da una delegazione di Dirigenti romeni e dal Console di Romania a Catania, Dott. Ioan Iacob.
La visita del Segretario di Stato romeno A? legata alla forte presenza nella provincia di Ragusa di una nutrita comunitA? romena, composta in gran parte da una manodopera femminile ed A? finalizzata a proseguire il dialogo interistituzionale da tempo avviato in ordine alle iniziative poste in essere sul territorio provinciale riguardanti i vari aspetti connessi al fenomeno dello sfruttamento lavorativo in danno di cittadini romeni nonchA? ad approfondire i nuovi interventi da avviare volti a favorire l’assistenza e l’integrazione della comunitA? romena.
Nella circostanza, alla presenza dei Responsabili provinciali delle Forze dell’Ordine e dei rappresentanti delle istituzioni locali competenti in materia di lavoro e sanità nonchA? degli esponenti del privato sociale, CGIL, Caritas e Associazione Proxima, sono state affrontate le problematiche di natura sociale e delle condizioni di lavoro dei cittadini romeni, con un approfondito esame dell’apporto che le amministrazioni e le istituzioni locali attualmente forniscono per la migliore integrazione e per il contrasto e l’emersione dei fenomeni irregolari nel mondo del lavoro.
In particolare, sono state evidenziate tutte le iniziative già in campo e illustrate le altre in via di definizione, iniziative volte a superare le problematiche legate alle difficoltA? di accesso ai servizi istituzionali, specie quelli sanitari e di carattere scolastico relativi ai figli minori dei lavoratori romeni; è stata prospettata, quindi, l’attivazione di nuove azioni coordinate tra tutte le forze in campo al fine di superare i disagi connessi alla marginalitA? abitativa e sociale.
Al termine dell’incontro, svoltosi in un clima di grande cordialitA?, il Segretario di Stato del Ministero per i Romeni che vivono all’estero e la delegazione tutta, nell’esprimere vivo apprezzamento per l’attenzione riservata ai temi trattati e per il rinnovato impegno nel proseguire le iniziative assunte, ha assicurato ogni fattiva collaborazione per il raggiungimento degli obiettivi concordati.

La Cgil di Ragusa, con il suo segretario generale, Peppe Scifo, ha partecipato alla riunione in prefettura.
Nell’agenda dei lavori dell’incontro il dialogo inter-istituzionale in merito alle iniziative già poste in essere nel territorio provinciale al fine di affrontare le tematiche connesse al caporalato e allo sfruttamento lavorativo a danno dei romeni.
‘Continuiamo come abbiamo fatto negli anni precedenti, commenta Peppe Scifo, la nostra azione di tutela rivolta agli stranieri ed in particolare alla comunitA? romena che vive nelle campagne in condizione di isolamento.
Un isolamento che coinvolge anche i minori i quali spesso sono vittime di dispersione scolastica.
Per questo abbiamo inviato una richiesta di intervento ai comuni di Vittoria e Acate dove si registra la maggiore presenza.
La Cgil conferma il proprio impegno nel lavoro di rete con associazioni del privato sociale, in primis Caritas e Proxima, per contrastare i fenomeni di grave sfruttamento e degrado sociale e ringrazia la prefettura di Ragusa che da sempre A? attenta a queste problematiche’.



Categories: Cronaca, Ragusa

Autore dell'articolo

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata.
Campi richiesti*