Ragusano Dop, il futuro passa dalla promozione. Ma senza soldi non si canta messa.

Ragusano Dop, il futuro passa dalla promozione. Ma senza soldi  non si canta messa.

Gli intenti sono tra i migliori: promuovere il formaggio Ragusano Dop, eccellenza del nostro territorio. Ma si riuscirA? davvero in questo intento che arriva dopo la modifica del disciplinare? Il problema sono i fondi. Senza quelli, come si sa, non si canta messa. Ed allora l’auspicio A? che si possa raggiungere questo obiettivo evitando di perdersi in semplici iniziative promozionali che rischiano di essere poco utili alla causa.

Nel corso della conferenza stampa svoltasi a Ragusa nella Sala Conferenze dell’ex Provincia Regionale, il Presidente ed il Direttore del ‘Consorzio per la tutela del Formaggio Ragusano Dop’ , Giuseppe Occhipinti ed Enzo Cavallo, hanno presentato le diverse iniziative, alcune delle quali sono state già avviate, individuate dalla assemblea dei soci, per dare concretezza alla promozione ed al massimo rilancio del Ragusano Dop, formaggio che ha fatto la storia degli iblei e che, se adeguatamente valorizzato, può determinare una positiva svolta a favore della economia del comprensorio con particolare riferimento al comparto zootecnico ed al sistema agroalimentare degli iblei.
L’intento e l’impegno del Consorzio A? quello di operare, al massimo ed al meglio, per far sé che il Ragusano Dop diventi sempre di più il prodotto-simbolo di un territorio laborioso sul quale vengono svolte attività di grande spessore imprenditoriale e prodotte tante eccellenze agroalimentari ( e fra questi in grande e prioritaria evidenza il Ragusano), che hanno fatto fiorire una enogastronomia apprezzata da tutti ed ovunque e capace di richiamare l’attenzione non solo degli addetti ai lavori vocati alla preparazione di ricette e di piatti per i buongustai, ma anche dei sempre più numerosi consumatori che cercano prodotti di qualitA?, garantiti, certificati e rintracciabili e, quindi, di massima affidabilitA?.
Per il raggiungimento di tale obiettivo, si è deciso di valorizzare il logo già approvato dal Mipaaf (GURI del 30 giugno u.s.) e, dopo il già avvenuto avvio della messa in onda dello specifico spot promozionale, il Consorzio si è già fatto carico di consegnare ai rivenditori del comprensorio e di buona parte della Sicilia un kit contenente il materiale per la individuazione dei punti vendita dove si può trovare il Ragusano Dop, oltre che per la facile individuazione ed identificazione del formaggio tutelato attraverso la specifica etichetta,.
Il Consorzio inoltre ha già chiesto una audizione al coordinamento dei Sindaci della Provincia di Ragusa ed ha in programma specifici incontri con le Organizzazioni Professionali, Datoriali e Sindacali oltre che con le Associazioni dei Consumatori. Ha in programma inoltre la intensificazione della già esistente collaborazione con le Associazioni dei Commercianti anche per la formazione, insieme al Corfilac, degli addetti ai punti vendita
Subito dopo le vacanze saranno poi avviati i raccordi col mondo della scuola e con gli istituti Alberghieri in particolare, per presentare il Ragusano Dop, quale ‘prodotto principe’ degli iblei.E’ stata annunciata infine la organizzazione a Ragusa, nel prossimo mese di febbraio, la ‘PRIMA GIORNATA DEL RAGUSANO col massimo coinvolgimento degli imprenditori della filiera e di tutta l’opinione pubblica oltre che delle rappresentanze istituzionali.

Categoria: Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Compila tutti i campi obbligatori*